Le superfici domestiche

Ultimati i lavori di ristrutturazione bisogna affrontare una robusta pulizia dopo posa, per rimuovere incrostazioni di calce, pitture, efflorescenze ed altro.

Pulizia dopo la posa di superfici domestiche

Quando sono stati appena ultimati lavori di ristrutturazione della casa e si è chiuso il cantiere è d’obbligo affrontare una robusta pulizia dopo posa.
Pulizia dopo posa delle superfici domesticheCon la posa in opera, infatti, si accumula una gran quantità di sporco come incrostazioni di calce, pitture, efflorescenze ed altro, per rimuovere le quali ci si affida spesso a imprese di pulizie.

I professionisti del pulito chiamati ad intervenire dovranno quindi ricorrere all’utilizzo di prodotti specifici per effettuare queste puliture.

Questi prodotti devono essere idonei alla pulizia di materiali come gres porcellanato, ceramica, cotto, terracotta, marmo, clinker, granito, pietre, legno, alcuni tra i più comuni tra quelli presenti in casa.
L’efficacia di un prodotto deve essere tale che le superfici in questione, una volta trattate, devono continuare a mantenere inalterate le proprie qualità di prestazioni ed estetiche.

In commercio è oggi possibile trovare prodotti in grado di valorizzare le qualità dei materiali impiegati per le superfici domestiche, per cui le pulizie possono essere effettuati anche da soli, seguendo semplici consigli d’uso delle case produttrici ed ottenendo un considerevole risparmio economico che, con i tempi che corrono e con le spese già affrontate per i lavori, non è da trascurare.

Vediamo alcuni esempi di superfici da trattare e materiali da utilizzare.
Superfici domestiche in gres porcellanato

La rimozione tardiva o inadeguata dello stucco usato per le fughe può lasciare su pavimenti e rivestimenti in gres porcellanato, degli aloni che creano una sorta di film cementizio, in grado di catturare qualunque tipo di sporco, e capaci di far assumere alle superfici un aspetto sgradevole.

Superfici domestiche in gres porcellanatoPer rimuovere gli stucchi cementizi si può lavare il pavimento con una soluzione composta da acqua e Cemenboss di Mirage, un prodotto costituito da acido tamponato e percentuali di acqua/acido come riportato sulla confezione.

Il prodotto deve essere lasciato agire sul pavimento bagnato, senza farlo asciugare e strofinandolo con stracci incolore, si procede poi a risciacquarlo abbondantemente con acqua per assicurarsi che il pavimento sia privo di residui di detergenti. Se necessario, l’operazione può essere ripetuta più volte.

È sempre preferibile fare una prova prima su una piccola parte e poi, se l’esito è positivo, ripeterla su tutta la superficie da trattare.

Dopo aver effettuato questo tipo di lavaggio, che è acido, e quindi può lasciare sulle superfici una untuosità che può facilmente trattenere lo sporco, bisognerà eseguire un lavaggio basico o alcalino utilizzando detersivi sgrassanti.

Alcuni giorni dopo la posa, poi, bisognerà effettuare una pulizia di fondo mediante l’utilizzo di acidi tamponati per sciogliere ed asportare completamente tutti i residui di cantiere.
Superfici domestiche in ceramica

Le superfici in ceramica sono molto igieniche, resistenti e pratiche da pulire, ma affinché la loro manutenzione risulti sempre semplice nel tempo, bisogna iniziare con un adeguato lavaggio dopo posa.

Superfici domestiche in ceramicaQuesto lavaggio, che si esegue solo una volta prima dell’utilizzo del pavimento, permette di mantenerlo bello e funzionale nel tempo.
Con esso si rimuovono i residui dei materiali utilizzati per la posa in opera e gli eventuali residui superficiali del materiale.

In questa fase la superficie deve essere lavata con una soluzione di acido muriatico (2/3 di acqua, 1/3 di acido) o con dei prodotti specificamente pensati per tale utilizzo, come Deterpav di Madras.

Per evitare che il lavaggio, realizzato con sostanze acide, intacchi le fughe cementizie tra le mattonelle, è opportuno bagnare preventivamente la superficie, in modo da impregnare le fughe e proteggerle dall’azione corrosiva dell’acido.

Se la prima pulizia viene effettuata quando il pavimento è già stato usato, sarà opportuno togliere eventuali presenze di grassi e simili con appositi detersivi.
Una volta ultimata la pulizia occorre risciacquare abbondantemente il pavimento e raccogliere l’acqua residua.
Superfici domestiche in marmo

Anche nel caso dei pavimenti in marmo, sia nuovi che rilevigati, il lavaggio dopo la posa in opera è un trattamento di fondamentale importanza per tutti gli interventi successivi e per la manutenzione.

Superfici domestiche in marmoCon questa pulizia, infatti, si eliminano tutti i residui della posa in opera, come malta, colla, vernice, sporco da cantiere di varia natura e si rimuovono eventuali residui superficiali del materiale.

Per questo tipo di pulizia Fila propone FilaCleaner, un detergente neutro che non lascia residui ed è indicato in particolare per lavaggi dopo posa di pavimenti particolarmente sensibili agli acidi.
Infatti il prodotto è certificato dal Centro Ceramico di Bologna, perché pulisce senza aggredire il materiale.

Per utilizzare FilaCleaner è necessario innanzitutto spazzare bene il pavimento, quindi si stende sul pavimento il detergente, diluito 1:30. Successivamente si interviene con spazzole e stracci e si raccoglie il liquido, eventualmente con un aspira liquidi.
Quindi si risciacqua accuratamente.
Pulizia superfici a lavori ultimati

Superfici domestiche pavimenti interni cottoQuando si parla di ristrutturazione, acquistano molta importanza anche le operazioni di pulizia di fine cantiere.

In circostanze come queste ci si affida spesso a ditte specializzate per la rimozione del grosso sporco sulle superfici, anche per evitare di incorrere in possibili problemi, legati all’intaccabilità del materiale su cui andremmo ad agire.

I professionisti del pulito infatti devono utilizzare prodotti specifici per l’eliminazione di incrostazioni di calce, pitture, efflorescenze ed altro, che vanno ad agire in modo mirato.

deteegenti specifici per superfici domesticheGres porcellanato, ceramica, cotto, terracotta, marmo, clinker, granito, pietre, legno e gres sono i più diffusi materiali presenti negli immobili, soprattutto privati, e per le loro proprietà estetiche e qualitative, necessitano di un uso costante di prodotti specifici, che valorizzano nel tempo le caratteristiche estetiche di ognuno di essi.

Inoltre in commercio oramai è possibile trovare prodotti in grado di valorizzare le superfici e risolvere nuove e vecchie problematiche e sempre più specifici, in base al materiale su cui devono andare ad agire.
Ci sono soluzioni per le smacchiature delle superfici, per eliminare, ad esempio macchie di vernice, o per la ruggine, per interventi su marmi e graniti o su gres porcellanato particolarmente delicato. Tutti o quasi, comunque, a base acida, con applicazione mediante tamponamento.

Per evitare che un prodotto a base acida usato per la prima pulizia vada ad intaccare il riempimento a base cementizia delle fughe delle superfici domestiche, è necessario, prima dell’operazione di pulizia, bagnare il pavimento affinché le fughe vengano impregnate e pertanto protette dall’azione corrosiva dell’acido stesso.

pulizie di fine cantiere superfici domestichePer problemi di smacchiatura invece da utilizzo, come segni di inchiostro, caffè, o vino e liquori, è bene valutare bene la natura del materiale e anche la causa del danno, in modo da individuare il prodotto più idoneo per risolvere il problema.

Oggi però ci sono anche soluzioni per rimuovere con facilità segni e sporco dalle superfici, senza necessariamente tener più conto del tempo di contatto sulle macchie e permettendo a volte anche l’applicazione in verticale.

Non tutti i detergenti infatti vanno bene. E nella maggioranza del casi è preferibile salvaguardare l’integrità delle superfici, stendendo preventivamente dei prodotti protettivi.

Lo stesso vale per prodotti deceranti, in grado di rimuovere e pulire profondamente dalle superfici, residui organici come sporco, grasso e trattamenti con vecchie cere.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>