Quanto costano i sanitari e i rivestimenti per rinnovare il bagno?

Calcoliamo la spesa per arredare e rinnovare il nostro bagno; ecco quanto si spende scegliendo e comprando sanitari, rubinetteria e rivestimenti di qualità.

 

Nuova disposizione dei sanitari in bagno

Nuova disposizione dei sanitariRicapitoliamo. Ho raggiunto una soluzione soddisfacente, sia dal punto di vista funzionale che estetico, per il mio bagno.
Ogni sanitario, rispetto allo stato attuale, sembra aver trovato la sua posizione ideale delineando, nel complesso, un insieme armonioso.

Attestato su una delle pareti corte – quella a destra rispetto alla porta -, un blocco che comprende lavabo e doccia costituisce il nodo progettuale che mi propongo di sviluppare con maggior attenzione; offre infatti spunti interessanti e racchiude, seppure ancora in embrione, la possibilità di sfruttarlo con nicchie e vani, utili per riporre cosmetici, asciugamani e detergenti.

A differenza di quanto ho fatto per studiare gli step di restyling degli altri ambienti della casa (per i quali ho proposto, in due articoli successivi, varie soluzioni alternative), per il bagno organizzerò il mio lavoro così:

– In questo articolo mi dedicherò alla scelta dei sanitari e dei rivestimenti, indicandone i costi e sommandoli a quelli relativi alle opere edili necessarie alla posa in opera da parte di personale specializzato;

– In un articolo successivo studierò invece l’illuminazione e sceglierò qualche complemento originale, indispensabile per caratterizzare l’ambiente e allinearlo alle mie esigenze.

Ricerca di sanitari

Comincio a lavorare e mi perdo – come è inevitabile che sia – tra le centinaia di proposte che la pagina immagini di Google mi mette di fronte quando digito, come stringa di ricerca, lavabo rettangolare sospeso 70 x 35 cm.

Hatria, AreaQueste misure non sono ovviamente casuali; sono invece dettate dall’esigenza di non andare troppo in profondità con il lavabo rispetto al filo anteriore della doccia, in modo da poter sfruttare al meglio lo spazio di risulta posteriore.

Per definirle nel modo più preciso possibile devo inoltre tenere conto dello spessore che avrà il rivestimento in piastrelle di ceramica, comprensivo dello strato di allettamento (considero circa 2,5 cm su ogni lato).

Visito i siti di molte aziende del settore bagno, esamino schede tecniche e propendo infine per Areadi Hatria, rigoroso, essenziale (si può ordinare senza fori), semplice e leggermente asimmetrico.

Mi consentirà, grazie a quest’ultima caratteristica, di inserire un elemento intrigante e inaspettato in un insieme dalla centralità spinta e palesemente dichiarata.

Ideal Standard, TonicLo fisserò con appositi accessori per sospenderlo a mensola e mi ricorderò, nel progettare la parete posteriore, di prevedere un buon margine superiore per il montaggio del gruppo rubinetteria.

Per il piatto doccia, invece, approdo al sempreverde catalogo di Ideal Standard.
Tra le proposte in acrilico scelgo Tonic, pulito ed essenziale, che ha le misure perfette per me: 900 x 750 mm.

Sempre sul sito dell’azienda milanese individuo la coppia vaso + bidet che sembra coordinarsi perfettamente con il lavabo Hatria.

SanitariArriva dalla collezione Imagine e, in versione sospesa, occupa davvero poco spazio; soprattutto in lunghezza questo fattore è determinante, visto che i sanitari saranno montati vis – à – vis su pareti contrapposte.

Chi è un po’ più esperto può cimentarsi, come ho fatto io, con il disegno completo del bagno. Le case produttrici, il più delle volte, mettono a disposizione i file dwg o dxf(specifici per il CAD, il Computer Aided Design) relativi a ciascuna collezione di sanitari.

In alternativa è possibile procurarsi le immagini del lavabo, del piatto doccia, del vaso e del bidet, accostarle tra loro e valutarne l’armonia complessiva.

Parete con lavabo e doccia

Parete con lavabo e docciaConclusa la questione sanitari vado avanti con il mio lavoro e, misure alla mano, studio la parete occupata dal lavabo e dalla doccia.

La attrezzo con un sistema di ripiani in vetro alloggiati nelle due nicchie (quella dietro il lavabo e quella interna al vano doccia; li acquisterò con gli accessori) e prevedo di completarla con uno specchio rettangolare molto allungato, posto asimmetricamente rispetto all’asse del lavabo.

L’insieme è relativamente semplice da realizzare. Sono sufficienti solo alcune opere murarie che consistono, principalmente, nell’elevazione di tramezzature in mattoni forati o blocchi in calcestruzzo alleggerito e nella chiusura dei vani che saranno percorsi dalla rete di scarico.

Scelta dei rivestimenti

Vogue, TrasparenzePer esaltare l’accentuata geometria dei miei sanitari, decido di propendere per rivestimenti in ceramica lucida dai colori decisi. Il verde pistacchio, abbinato a un bianco ghiaccio, mi sembra perfetto. Ceramica Vogue lo propone nella collezione Trasparenze in una serie di formati che consentono piacevoli variazioni delle tessiture superficiali: 5 x 5, 10 x 10, 20 x 20, 1.2 x 20, 2.5 x 20, 5 x 20, 10 x 20 e 20 x 40 cm.

Li modulerò e li alternerò con attenzione per raggiungere un risultato estetico semplice e fresco, adatto a sottolineare i volumi dei singoli elementi.

Scelgo anche il pavimento coordinato, Flooring, che presenta interessanti caratteristiche antiscivolo, indispensabili per un ambiente umido come il bagno.

Prezzi e computo per il bagno

A questo punto non mi resta che darmi allo shopping, virtuale o reale, e compilare la tabella Excel del computo che mi trovo già pronta; l’ho infatti utilizzata per calcolare il costo di restylingdella camera da letto e del soggiorno e mi basterà aggiornare le singole voci per adeguarla alle opere previste per il bagno.

Procedo con ordine e mi occupo dei sanitari e della rubinetteria. Alla fine della mia ricerca il risultato è questo:

– Compro il lavabo Area di Hatria sul sito di Idrotop, azienda che si occupa della vendita online di sanitari di marca. Lo pago, scontato, 180.90 euro; un corriere espresso me lo consegnerà a casa, con formula di spedizione assicurata, a 16.80 euro;

Ideal Standard, Imagine- Trovo il prezzo del piatto doccia in acrilico Tonic di Ideal Standard, pari a 234 euro, sul sito di Centro Gamma Termosanitaria e me lo annoto;

– Bagno Shop mi propone invece la coppia bidet + wc Imagine (comprensivo di sedile a chiusura rallentata) a 906 euro.
Acquisto separatamente le staffe per il montaggio a parete, pagandole complessivamente 70 euro, una cassetta di scarico a incasso con placca push doppio flusso cromo lucido (140 euro) e preventivo un centinaio di euro per altri accessori, per le pilette e per il sifoname;

Newform, D - Sign- Mi resta la rubinetteria e risolvo il problema con qualche clic su un unico sito, Bagno & Accessori. Mi rivolgo alla qualità dei prodotti Newform, scegliendo un gruppo miscelatore da parete per il lavabo della linea D
– Sign
 (399 euro), un miscelatore monocomando per il bidet (282.24 euro), un soffione doccia con braccio (337.68 euro) e, infine, un miscelatore monocomando da incasso per la doccia (184.40 euro), insieme all’asta saliscendi completa di doccia e flessibile (215,88 euro).

Per il rivestimento considero un prezzo indicativo di 20 euro / metro quadrato, riferito a un prodotto Vogue analogo che mi è capitato di recente di far porre in opera in un mio lavoro di ristrutturazione.

A questo punto noto che rimane in dubbio solo un prezzo: quello della porta in cristallo per chiudere il vano doccia; per ordinarla dovrò aspettare che le murature siano state elevate e fare riferimento alla misura effettiva del vano. Per il momento, alla voce corrispondente del computo, indico la cifra di 300 euro, riservandomi di perfezionarla al più presto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>