Regole generali per ristrutturare un bagno

Esigenze e tecnologie che cambiano nel tempo, unitamente a errori iniziali di progettazione rendono necessario l’intervento di ristrutturazione. Ecco come fare!

Ripensare un bagno secondo nuove esigenze

Rilassarsi e recuperare le energie sono le esigenze a cui un bagno moderno deve far fronte. Esse vanno ad affiancarsi alla sua funzione primaria, legata all’igiene personale.

Uno dei motivi che spinge gli individui alla ristrutturazione è proprio quello di creare un ambiente che favorisca il benessere psico-fisico, un’area dove comfort e praticità divengano condizioni indispensabili da perseguire attraverso un’attenta progettazione, sia di impianti che di arredi.

 

Per assolvere questo compito è possibile usufruire delle innumerevoli ed innovative offerte in commercio: vasche di design, docce su misura e componibili a piacere, sanitari scultorei o estremamente minimal, rubinetteria ultra-tecnologica, mobili a prova di umidità e di rilascio di sostanze tossiche, materiali per pavimenti e rivestimenti nuovi e altamente performanti.

Un altro motivo che spinge le persone a voler ristruttura il bagno esistente, può essere l’esigenza di allargare lo spazio a disposizione: un solo metro quadrato in più basterà o per aggiungere un vano lavanderia sviluppato in altezza, o per rendere la stanza più ariosa, o semplicemente per disporre i sanitari nel rispetto delle misure antropometriche, così da non incontrare ostacoli durante il loro utilizzo.

Ristrutturare il bagno con le soluzioni di Arcom
Arcom bagno a le idee per ristrutturare il bagno propone W&D, un sistema con varie configurazioni per lavatrice e asciugatrice.

Nell’immagine riportata, le troviamo posizionate in colonna, affiancate da mensole per riporre panni e detersivi. Archeda invece, offre una composizione laccata con sviluppo verticale, o secondo esigenze, chiamata Laundry.

Ristrutturare il bagno con Archeda
Le necessità che si possono avere in un bagno cambiano nel tempo, non solo per un semplice desiderio di cambiamento, ma per veri e propri bisogni che si presentano con l’avanzare dell’età. Può capitare, infatti, di dover adattare l’ambiente per un utilizzo da parte di persone anziane.

In questo caso, ad esempio, si potrà sostituire una vasca standard con una a seduta oppure con una doccia antiscivolo che presenti, al suo interno, un sedile ribaltabile come quello di Provex della Serie 300.

Ristrutturare il bagno per nuove esigenze: sedili ribaltabili Provex
Sarebbe anche opportuno creare percorsi agevoli, magari allineando i sanitari in un’unica parete, lasciando così ampio spazio al passaggio.

Ristrutturare il bagno per nuove esigenze: lavabo sospeso di HatriaIl lavabo, invece, può essere pensato per un uso
con sedia a rotelle: basterà fissarlo a parete e non apporre mobili sotto di esso. Il modello sospeso Canalgrande, di Hatria, potrebbe essere adatto a questa situazione.

Maniglioni per aggrapparsi, collocati sapientemente, in modo da accompagnare tutti i movimenti che si possono prevedere, vanno a completare un quadro di sicurezza nel bagno, che si presenterà, così, privo di ostacoli. Il maniglione di PonteGiulio della linea Prestigio+ è in acciaio inox ed è molto comodo se posto vicino al wc o agli altri sanitari.

In presenza di un grande ambiente nella zona notte, si può decidere di suddividerlo in due bagni di eguale grandezza, così da servire ciascuno una camera.

Ristrutturare il bagno per nuove esigenze: maniglioni PonteGiulioProbabilmente, uno dei due continuerà ad avere la finestra, mentre l’altro risulterà cieco, ma, progettando inserti in vetrocemento sulla parte superiore della parete divisoria, si potrà beneficiare, in parte, della luce naturale.

Una delle più diffuse pecche di progettazione, è quella di creare bagni in soggiorno privi di antibagno.

Per fare questa operazione, spesso non è necessario ingrandire la superficie dell’ambiente: se presente una vasca, si potrà sostituire con un box doccia e sfruttare lo spazio recuperato per un disimpegno che, oltre a separare il bagno dalla diretta comunicazione con la zona giorno, servirà per posizionare un mobile funzionale con lavatrice o semplicemente contenitivo.

Il mobile lavatoio Bolle di Arredobagno, con lavatrice, ante e carrello per detersivi ed asciugamani, crea un angolo accogliente e funzionale nell’antibagno.

Alternativamente, si potrà apporre un tramezzo che separi la zona lavabo, accessibile direttamente dal living, con la zona, più privata, dei sanitari wc, bidet e doccia.

Ristrutturare il bagno: creare un antibagno accogliente grazie a Arredobagno
I tramezzi di separazione potranno essere in idrolastre, ovvero in pannelli di cartongesso adatti ad ambienti umidi; la porta si potrà scegliere scorrevole e i sanitari compatti e salvaspazio, preferendo quelli arrotondati per una maggiore ergonomia.

Un’altra necessità che spinge gl utenti a voler effettuare dei lavori in bagno è anche quella del voler modificare lo stile e, per farlo, si deve agire non solo sui materiali di pavimenti e rivestimenti ma anche sulla tipologia degli arredi e talvolta sulla disposizione dei sanitari, richiedendo così una vera e propria ristrutturazione.
Ristrutturazione bagno: spostare i sanitari e ridistribuire lo spazio

La difficoltà maggiore che si presenta durante la ristrutturazione di un bagno, è quella dello spostamento dei sanitari e quindi della modifica degli impianti.

In particolare, quando si deve spostare il wc, ci troviamo, spesso, di fronte all’impossibilità di non poter spostare la calata di scarico.

Questo è il caso di un ambiente che si trovi in un condominio, dove tutti i bagni sono allineati in senso verticale e la calata di scarico è unica. A questo punto, per poter effettuare delle modifiche distributive, si dovrà agire creando uno o più scalini in relazione alla distanza di spostamento.

Ristrutturare il bagno: inserimento di sanitari sospesi
Così facendo, si potranno inserire i tubi necessari che dovranno avere la giusta inclinazione. Quest’ultima è molto importante perché permetterà di trasportare i liquami dalla nuova posizione alla vecchia.

Quanti scalini dobbiamo inserire? Solitamente, per ogni metro di distanza dalla calata si deve creare un rialzamento di 15 cm.

Ovviamente si tratta della regola generale, ma ogni caso è a sè e và valutato con il tecnico impiantista che si occupa dei lavori, per trovare la soluzione più opportuna.

Il dislivello copre, generalmente, anche il bidet, la doccia o la vasca e il lavabo. Un’alternativa è la scelta di sanitari sospesi: spostando i vecchi wc e bidet in una posizione diversa da quella originaria, ma sempre lungo la stessa parete, e sostituendoli con un modello rialzato da terra, si potrà evitare la creazione dei gradini.

L’unico obbligo è, in questo caso, quello di ispessire la parete di circa 10 cm, permettendo così alla calata di passare all’interno del muro.

Ristrutturare il bagno: come spostare i sanitari
In questo modo si può evitare l’inserimento del gradino che, sebbene possa avere un ruolo anche estetico, conferendo movimento alla stanza, comporta costi notevoli e rischio di cadute! I sanitari sospesi rendono, inoltre, le pulizie molto comode e conferiscono un senso di leggerezza all’ambiente.

Qualora si voglia optare per un modello sospeso, ma si decida di spostare i sanitari in un’altra parete rispetto a quella originaria, sarà comunque necessario l’inserimento dei gradini.

Ristrutturare il bagno con soluzioni personalizzate
Le proposte per sanitari sospesi, docce e vasche sempre più performanti e adattabili a qualsiasi situazione, sono in continuo sviluppo.

Un argomento a sè bisognerebbe poi dedicare alla rubinetteria, la cui tecnologia è ormai sorprendente e gli elementi sono, spesso, vere opere d’arte, curati in ogni particolare e dalle linee attentamente studiate per ogni stile desiderabile.
Sostituire i materiali durante la ristrutturazione del bagno

Per rinfrescare un ambiente e modificare il suo aspetto è quasi sempre necessario agire su pavimenti e rivestimenti.

Le proposte attualmente in commercio, relative al bagno, sono le più disparate e cercano di andare sempre di più incontro al cliente.

Ristrutturare il bagno con i nuovi materiali: piastrelle antimicrobiche di Panaria
Vengono offerte soluzioni comode, veloci e performanti.

Le caratteristiche principali dei nuovi materiali si rintracciano nella possibilità di posa su materiali preesistenti, nelle proprietà antibatteriche (come le piastrelle di Panaria ) , nella resistenza alle macchie e nei bassi livelli di assorbimento d’acqua.

Tutte queste caratteristiche non incidono negativamente sul design, che anzi si dimostra sempre più ricercato.

Con il gres porcellanato è possibile, ad esempio, ricreare qualsiasi tipo di materiale, consentendo così di scegliere tra infinite soluzioni estetiche e ricreare qualsiasi stile si desideri.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>