Ristrutturazione bagno – Consigli di stile

Soprattutto nelle nuove abitazioni, il bagno è pensato come un ambiente piccolo, così da non sottrarre spazio al resto dell’abitazione. Ristrutturare il bagno può essere un’operazione delicata: luci, rubinetterie e pavimentazione vanno installati ottimizzando gli spazi disponibili.
Se la pavimentazione ha ormai un aspetto logoro e spento, la ristrutturazione del bagno dovrà essere più radicale e prevedere una sostituzione degli attuali pavimenti. In commercio esistono diverse soluzioni che si adattano a tutti i tipi di esigenze: dai pavimenti in ceramica e gres ai pavimenti in resina per una nuova e più moderna luminosità.

La sostituzione del pavimento del bagno, potrebbe comportare la modifica di piastrelle e mattonelle che devono essere abbinate con la pavimentazione, così da creare uno stile unico e ben coordinato. In questo ambito le soluzioni più utilizzate per i rivestimenti del bagno sono gres e ceramica: facili da pulire e resistenti, questi materiali offrono una scelta vastissima di forme, colori e decorazioni.

Ristrutturare il bagno significa riproporsi la domanda: vasca da bagno o cabina doccia? Fondamentali sono ovviamente le dimensioni del bagno: in un ambiente piccolo, scegliere la vasca da bagno può essere controproducente. Per arredare un bagno piccolo, infatti, le dimensioni degli arredi diventano fondamentali. Accanto a ciò bisogna considerare che la doccia è spesso la soluzione forse meno rilassante, ma più comoda, rapida ed economicamente vantaggiosa, dato che gli sprechi d’acqua sono minimi.

In commercio esistono tre diversi tipologie di sanitari: tradizionali a pavimento, a parete e sospesi. I primi sono più economici e facili da montare, ma comportano un ingombro maggiore e la pulizia intorno ad essi è abbastanza difficoltosa, data l’esigua distanza dal muro. Il problema si risolve completamente nei sanitari a parete, che permettono inoltre un buon guadagno di spazio. Maggiormente di design, più leggeri e moderni sono i sanitari sospesi, che propongono un nuovo impatto estetico, sono più silenziosi e facilmente pulibili. Lo svantaggio è che l’installazione può essere più complessa.

Come arredare il bagno appena ristrutturato? Le nuove tendenze in materia di arredamento puntano verso una mobilia con curve, concavità e convessità: forme eleganti e sinuose che permettono un’organizzazione più razionale degli spazi, agevolando il passaggio attraverso l’eliminazione degli spigoli. Per arredare un bagno piccolo, la mobilia dovrà avere un sistema ad ante che non ingombri eccessivamente gli spazi già esigui. Può essere utile, a questo scopo, anche un nuovo sistema di mensole che sfrutti tutti gli spazi della parete per poter tenere sempre tutto a portata di mano.

Possono sembrare un semplice complemento d’arredo, ma gli accessori per il bagno sono un elemento fondamentale per rifinire lo stile che si è impresso attraverso la scelta di pavimentazioni, rivestimenti e mobilia. In legno, in plastica o di acciaio, ogni tipo di materiale ha uno stile intrinseco che, unito alle nuove forme di design, permette di rendere unico il proprio bagno.

La ristrutturazione del bagno non è un’operazione semplice, anche per la presenza di tubazioni, per cui il consiglio è di affidarsi ad un team di esperti che sappia valorizzare gli spazi a disposizione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>