Trasformazione vasca in doccia

Remail trasforma più di 10.000 vasche in doccia e dal 2015 ha lanciato l’operazione Trasparenza dove poter consultare le vere opinioni e recensioni dei clienti.

Nelle abitazioni dove in bagno è presente soltanto la vasca, è possibile sostituirla con una robusta e confortevole cabina doccia in sole 8 ore.
Negli ultimi anni, ogni architetto progettista di interni ha avuto modo di constatare una sempre maggiore preferenza dei committenti per la doccia nei confronti della vasca da bagno.

La doccia è pratica e veloce, richiede l’utilizzo di una minore quantità di acqua, è di più sicuro una maggiore fruibilità per persone con ridotte capacità motorie, per cui oggi, in molte abitazioni, in entrambi i servizi si preferisce installare docce e rinunciare qualche volta alla vasca da bagno.
Se a ciò aggiungiamo che gli attuali piatti doccia sono particolarmente ampi, tanto da poter essere comodamente utilizzati in due, e i soffioni e le colonne sono attrezzabili anche con soluzioni idromassaggio, cromoterapia e tutti gli altri comfort in grado di trasformare l’angolo doccia in una sorta di Spa domestica, si può facilmente capire come sceglierla non significhi affatto rinunciare al benessere e al relax offerto un bel bagno caldo.
Trasformare la vasca in doccia

Nelle abitazioni più datate, dove in bagno è presente soltanto la vasca, è oggi possibile sostituirla con un grande piatto doccia con una spesa minima e interventi limitati.

Trasformazione vasca in doccia: soluzione con lavatoio, di Remail
Remail, azienda leader del settore, ha ideato un innovativo sistema con il quale è possibile effettuare il servizio di trasformazione vasca in doccia, senza che siano necessari idraulici e piastrellisti.
Grazie all’ausilio del suo personale qualificato, Remail si occuperà di installare il nuovo piatto doccia, provvedendo alla sostituzione delle vecchie tubature, qualora troppo usurate, il tutto con un minimo intervento.

In questo modo sarà possibile dare una nuova veste al proprio bagno in poco tempo, senza disagi e senza oneri eccessivi di spesa.

Trasformazione della vasca da bagno: soluzione con doccia e spazio per balzetto. Di Remail
Durante l’intervento, gli installatori sono attenti a compiere le varie operazioni assicurando la massima pulizia ed evitando danni alle piastrelle. In ogni caso, l’azienda è assicurata per gli eventuali danni che si potessero ingenerare in corso d’opera.

Anche gli aspetti legali sono particolarmente curati: l’azienda è dotata di DURC (documento unico di regolarità contributiva) costantemente aggiornato e del documento di smaltimento macerie.
Inoltre, al termine dell’intervento rilascia certificato di conformità dell’impianto su cui è intervenuta.
Questi documenti sono molto importanti per il cliente che, di fronte alla legge, è considerato corresponsabile con la ditta.
Fasi di lavorazione per trasformare la vasca in doccia

Il servizio di trasformazione vasca in doccia avviene attraverso fasi ben precise di lavorazione, incisione e taglio della vecchia vasca.
La prima fase consiste nel taglio della vecchia vasca, incidendo il bordo ed eliminando le piastrelle che fanno da bordo alla vasca, così da consentirne il sollevamento.

Nella seconda fase avviene la rimozione della vasca dal suo alloggio; questa verrà smaltita insieme a tutto il materiale di risulta e al basamento.

Durante la terza fase si procede con lo smaltimento dei detriti e una pulizia accurata del fondo su cui verrà installato il nuovo piatto doccia.

 

Nella quarta fase gli installatori realizzano la preparazione della platea: l’area di pavimento occupata in precedenza dalla vasca viene ricoperta con un materiale sigillante adatto, al fine di creare il giusto piano d’appoggio per il piatto doccia. La fase termina con la sostituzione del vecchio scarico col nuovo.

Con la quinta fase vengono eliminate le vecchie tubature, collegato il nuovo scarico con quello vecchio e posizionato il nuovo piatto doccia.

Durante la sesta fase, lo staff tecnico termina l’installazione collegando l’ultimo tratto di scarico della nuova doccia con le tubature della vecchia vasca appena sostituite.

La settima e fase implica l’applicazione rivestimento a parete.
Infine, con l’ottava fase si installa il box doccia e tutti gli accessori.

In meno di 8 ore il servizio di Trasformazione Vasca in Doccia è concluso e il bagno è rinnovato!
Tipologie di trasformazione vasca in doccia

Il sistema Remail prevede diverse tipologie di intervento, in modo da soddisfare le esigenze di ciascun cliente e ottenere soluzioni originali e personalizzate.

Con la soluzione standard la vasca viene sostituita da un piatto doccia delle stesse dimensioni della vasca pre-esistente, scegliendo tra i seguenti modelli di box doccia:
– Soluzione Amerika
– Soluzione Amerika Plus
– Soluzione Amerika Vegas
Con la trasformazione vasca in doccia Remail soluzione lavatrice, la trasformazione avviene attraverso l’installazione di un piatto doccia di dimensioni ridotte rispetto alla vasca per lasciare lo spazio ad una pedana su cui appoggiare la lavatrice (ideale per recuperare spazio utile).

Simile è la soluzione lavatoio: nello spazio precedentemente occupato dalla vasca viene installato un box doccia leggermente più piccolo per sfruttare la superficie rimanente per l’installazione di un pratico mobile lavatoio.

Sostituzione vasca: soluzione con doccia e lavatrice, di Remail
Anche nel caso della soluzione balzetto viene installato un piatto doccia più piccolo, in modo da sfruttare lo spazio restante, su cui verrà posta una pedana, per collocare mobiletti o armadi.

L’azienda propone diverse varianti, non solo con basi antiscivolo per rendere il momento dell’igiene più sicuro, ma anche di differenti colori, per portare una nota cromatica in bagno.

I piatti doccia utilizzati sono tutti prodotti in acrilico-vetroresina per essere più resistenti a graffi, urti e alle sostanze chimiche dei detersivi che spesso sono corrosivi.
Come usufruire delle detrazioni fiscali per il cambio da vasca in doccia Remail

Trasformare la vasca in doccia conviene: grazie alla Legge di Stabilità, fino al 31 dicembre 2016 sono previste detrazioni fiscali per lavori di ristrutturazione.

Nel caso di interventi edili in casa, anche solo circoscritti all’ambiente bagno, è possibile accedere alle detrazioni fiscali. Per scoprire tutti i dettagli relative alle detrazioni consigliamo di accedere al sito di Remail dove, lasciando i propri dati sarà possibile scaricare le guide alle detrazioni per analizzare la propria situazione nel dettaglio.

Invitiamo a consultare la sezione preposta: www.remail.it/trasformazione-vasca-in-doccia.

Operazione Trasparenza: l’indice di soddisfazione dei clienti e le opinioni e recensioni Remail

Dopo un’indagine di mercato sulle opinioni presenti in rete relative alle soluzioni di trasformazione vasca in doccia, è emerso che molte non sono riconducibili a veri clienti di Remail o comunque solo ad una piccola parte di essi, bensì a concorrenti che mirano a screditare l’immagine dell’azienda o a concorrenti.

Operazione trasparenza: grafico
Il risultato dell’operazione trasparenza, evidenzia che le opinioni e recensioni negative su Remail che si trovano in rete sono un numero estremamente limitato rispetto a più del 98% di clienti soddisfatti alla prima installazione.

Ogni richiesta di assistenza viene gestita con precisione e correttezza in modo da alzare ulteriormente l’indice di soddisfazione della clientela.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>